Progetto ItinerARTE

Il Progetto ItinerARTE propone laboratori e corsi esperienziali ed espressivi per bambini e adulti sul territorio piemontese.

ItinerArte è un progetto itinerante che nasce con l’intento di proporre attività progettate e condotte a partire da competenze acquisite in campo psicologico, artistico e arteterapeutico.
L’ obiettivo primario è portare il linguaggio universale dell’Arte come strumento di espressione, benessere ed apprendimento, e promuovere l’alfabetizzazione visiva all’interno delle case di quartiere, nelle scuole, negli atelier di arteterapia,  e nelle librerie del territorio.

Attività 2017-2018

– laboratori per neonati e bambini
laboratori per la scuola
laboratori per gli adulti
percorsi individuali
workshop con Tecniche di Arteterapia

Arte e Infanzia, per approfondire

Lo sviluppo sensoriale inizia già nel grembo materno e nei primi mesi di vita le sollecitazioni ambientali stimolano il neonato a utilizzare e a sviluppare ulteriormente i cinque sensi.
Sebbene durante la crescita il bambino sviluppi padronanza dei sensi in maniera innata e spontanea, è importante che sia stimolato in attività polisensoriali.
Durante la crescita è fondamentale, infatti, che i bambini esplorino, osservino e sperimentino il mondo circostante attraverso la scoperta mediante l’utilizzo dei propri sensi (tatto, olfatto, vista, udito, e gusto) e attraverso il gioco: in questo modo costruiscono il loro sapere attraverso l’esperienza e le relazioni con l’ambiente circostante.

ARTE E CREATIVITA’ SVOLGONO UN RUOLO FONDAMENTALE NELLO SVILUPPO DEL BAMBINO CHE MOSTRA UNA NATURALE PREDISPOSIZIONE all’arte e alla creatività COME ESPRESSIONE DELLE PROPRIE EMOZIONI. Numerosi studi dimostrano che, fin dai primi anni di vita del bambino, l’arte e la pratica di attività espressive ed artistiche contribuiscono ad affinare le capacità espressive, favorire l’apprendimento logico – matematico, migliorare l’espressione linguistica, liberare le potenzialità creative e a rafforzare la consapevolezza di sé.  L’arte coinvolge infatti tutti i sensi del bambino rafforzandone le competenze cognitive, multisensoriali e socio-emozionali al fine di un’evoluzione  interiore dell’individuo.  Inoltre favorisce l’interazione con il mondo esterno fornendo una serie di abilità che agevoleranno l’espressione di sé e la comunicazione lungo tutto il corso della vita.

Quali sono i benefici dell’arte e dell’espressione nella crescita dei bambini?

Per quanto riguarda lo sviluppo motorio del bambino, si può affermare che l’attività artistica:
migliora le funzionalità motorie, la coordinazione manuale e la cordinazione bilaterale. Sagomare un foglio di cartoncino con le forbici, indirizzare il tratto di un pennello, disegnare con un pennarello o strizzare un tubetto di colla in modo “controllato” sono tutte attività che aiutano il bambino a migliorare la propria manualità e la padronanza fisica sugli oggetti;
accresce l’autostima del bambino, il quale si rende conto di riuscire a coordinare e controllare i propri movimenti;
favorisce una prima forma di coordinazione occhio-mano, diventando una “palestra” .                                                                                                                                                   Dal punto di vista dello sviluppo cognitivo, le arti insegnano a:                                   • sviluppare capacità di problem solving, a comprendere che i problemi possono avere più di una soluzione e che ogni domanda può avere più di una risposta. Le soluzioni raramente sono fisse, ma cambiano in base alle circostanze e alle opportunità. Nella produzione artistica sono infatti indispensabili sia la volontà, sia la capacità di cogliere le soluzioni impreviste offerte dal lavoro che si evolve;
•  elaborare una prospettiva multipla, influenzando anche il modo di osservare e interpretare la realtà. Durante il processo artistico la mente del bambino viene coinvolta in un processo di scoperta del “come” e del “perché”; Esattamente come uno scienziato, che sperimenta e scopre soluzioni, il bambino, quando si trova alle prese con un’idea artistica, analizza le varie possibilità e lavora attraverso il cambiamento;
• pensare “con” e “attraverso” i materiali, rendendoli consapevoli del fatto che attraverso mezzi materiali è possibile trasformare le idee in realtà.                       Se si considera lo sviluppo emotivo, è possibile constatare che l’arte:
incoraggia la creatività e l’auto-espressione, insegnando ai bambini a dire ciò che “non si può dire”, spingendoli a ricercare nella propria poetica interiore le parole adatte a esprimere i propri sentimenti riguardo a un determinato lavoro artistico;
consente di sviluppare le proprie capacità comunicative poiché il linguaggio presenta numerosi limiti e l’arte ci consente di esprimere sentimenti che diversamente non troverebbero sfogo;
• permette di mettersi alla prova in situazioni nuove e di sperimentare il più ampio spettro di sensazioni possibili.                                                                              Infine, dal punto di vista dello sviluppo sociale del bambino, le arti:
insegnano a elaborare opinioni sulle rela zioni “qualitative” e non solo “quantitative”;
favoriscono le competenze socio–emozionali. E’ attraverso l’arte che il bambino impara a trovare un accordo con se stesso e a controllare i propri sforzi. Questo processo, insieme alla pratica della condivisione e dell’alternarsi, favorisce l’apprezzamento degli sforzi altrui e, al tempo stesso, la consapevolezza dell’unicità di ciascun individuo, da cui deriva una positiva consapevolezza di se stessi;
• quando presentano una natura multiculturale, favoriscono l’integrazione di chi e di ciò che appare come “diverso”.